Dalle terme alle spa (salus per aquam)

 

 

Le terme romane e la loro evoluzione

La day SPA è l’evoluzione naturale delle terme romane, SPA significa Salus Per Aquam ovvero la salute attraverso l’acqua. Per i Greci il bagno era uno dei mezzi consigliati addirittura dal Dio per rimettersi in salute.
L’evoluzione da Bania (bagni in greco) a thermae spetta ai Romani.

Nel V secolo a.C. gli stabilimenti dei bagni cominciano a diffondersi nelle grandi città e diventano dei veri e propri centri sociali, luogo di conversazione e di piacere per tutti, fu nel III sec. a.C. che diventarono pubblici e presero il nome di thermae (dal greco termòs – caldo).
Nel 19 a.C. con le terme di Agrippa si ha la massima espansione del complesso termale con l’aggiunta della parte per l’esercizio fisico, dei massaggi e la depilazione, della biblioteca, della stanza per i dibattiti e per la cultura, della parte ristoro per mangiare e chiacchierare.

Il percorso originale dell’antica Roma

Nell’antica Roma era abitudine fare dell’esercizio fisico e poi sostare nel laconicum (sauna romana) che stimola non solo la sudorazione, ma anche il ricambio e la circolazione sanguigna, rinvigorendo ed aumentando la resistenza fisica.

Il passaggio seguente era la sosta nel tepidarium, dove ricevevano il massaggio, seguiva la sosta nelle acque termali o il lavaggio poi l’ultima sosta nel frigidarium stanza fredda.

Una volta rilassati e distesi i Romani potevano andare a ristorarsi con qualcosa da bere e poi, a seconda delle esigenze, continuavano con la parte estetica per la depilazione (in voga già allora sia per uomini che per donne), le acconciature e la cultura.
Il frigidarium serve per riattivare la circolazione, normalizzare la pressione e togliere il senso di sonnolenza che l’esposizione al calore e il massaggio possono provocare, rendendo l’organismo pronto per qualsiasi altra attività.

Nel tepidarium viene effettuato il lavaggio Romano che consiste nel lavaggio del corpo con una ricetta naturale, la ricetta imperiale (olio di mandorle, mandorle tritate, oli essenziali ( a seconda della stagione), petali di rosa e scorze di agrumi essiccati e farina d’avena. Questa ricetta è un vero e proprio peeling naturale che lascia la pelle pulita, fresca e liscia come la seta.

Il massaggio Romano è un massaggio decontraente e antistress che doveva aiutare l’imperatore a prendere le decisioni con il migliore stato d’animo e ad avere un corpo sempre agile e flessibile. L’olio che veniva usato per fare il massaggio a Giulio Cesare chiamato anche olio imperiale era fatta con olio essenziale di alloro che simboleggia la gloria, di lavanda per la calma interiore, di mirto che simboleggia la sensualità e l’amore e di ginepro per migliorare la respirazione.
Per garantire il massimo della discrezione e per non ostacolare i clienti nel tepidarium, è stata allestita la stanza per i rituali dell‘acqua, stanza tradizionale con marmi caldi e con la temperatura del tepidarium, dove verranno effettuati tutti i lavaggi tradizionali.

L’ evoluzione dalle terme allo hammam e alla sauna finlandese

I Romani hanno costruito le terme in tutto l’impero ed ogni paese ha sviluppato una parte delle terme secondo le proprie usanze e costumi.

Hammam di tradizione marocchina

Lo hammam è l’evoluzione del calidarium e tepidarium Romano. Nel hammam troviamo il tepidarium che è la stanza meno calda dove ci si abitua al calore e dove si eseguivano i lavaggi, il calidarium che è quello che oggi si chiama bagno turco ovvero la stanza con il vapore (la temperatura è stratificata e parte da 25-30° ai piedi fino ai 40-50° della testa, il tasso di umidità è del 100%)

Lo hammam ha avuto tanto successo nei paesi caldi perché l’umidità del bagno turco aiuta ad espellere le tossine con la sudorazione e ammorbidisce la pelle preparandola al lavaggio con il kassa guanto ruvido tipico della tradizione marocchina, il quale pulisce la pelle da ogni residuo di tossine e di cellule morte.

Con i pori della pelle liberi si facilita la sudorazione che aiuta a mantenere una temperatura corporea accettabile anche in posti dove il clima è particolarmente caldo. Inoltre il vapore con l’aggiunta di oli essenziali è un toccasana per le vie respiratorie e per la circolazione linfatica e sanguina, aiuta a sopportare gli sbalzi di temperatura e rafforza il sistema immunitario tenendoci lontani da possibili influenze e raffreddori.

In Marocco lo hammam è anche il posto dove le donne si trovano tutte insieme per curare la loro bellezza con sostanze rigorosamente naturali. IL sapone nero è un sapone fatto a mano, con olive macerate ed essenze naturali, ha proprietà emollienti, idratanti e nutrienti. Il Rassoul o gassoul è un tipo di argilla tipica del territorio marocchino, con essenze naturali essiccata al sole che non intacca la cheratina del capello e si usa come maschera nutriente per i capelli. L’ennè naturale è una sostanza incolore che nutre e protegge sia i capelli che la pelle, a differenza dell’ennè più conosciuto che è rosso.

Il massaggio (facoltativo) nello hammam di tradizione marocchina è un massaggio con olio d’Argan ,olio molto pregiato, ricavato da un albero simile all’ulivo che cresce spontaneamente nei climi tropicali, lavorato a mano, ha proprietà emollienti, è indicato per allentare tensioni muscolari e sciogliere le contratture. E’ un massaggio leggero e molto piacevole.

Hammam di tradizione turca

Lo hammam di tradizione turca differisce da quello di tradizione marocchina nel tipo di sapone usato e nel lavaggio. Il sapone usato in Turchia è il sapone di Aleppo, sapone puro e naturale costituito esclusivamente da olio d’oliva e olio di bacche di alloro, sia le piante di ulivo che di alloro vengono scelte esclusivamente nella zona di Aleppo nel nord della Siria.( Oggi la produzione è stata spostata in Turchia a causa della guerra che ha distrutto gran parte delle botteghe artigiane del sapone)

Il sapone di Aleppo oltre che per le proprietà idratanti ed emollienti è apprezzato per la qualità anallergica, antinfiammatoria e antisettica, inoltre l’alloro favorisce la distensione della pelle e l’apertura dei pori rinforzando i benefici della sosta nel calore. Il lavaggio del corpo in Turchia è un lavaggio molto vigoroso, sempre con il guanto tradizionale in spugna vegetale chiamato Loofah derivante dalla Luffa Mill un genere di piante appartenente alla famiglia delle Cucurbitacee originaria dell’Asia coltivata anche in Italia. Il massaggio, (facoltativo) è vigoroso e si sofferma soprattutto sulla mobilizzazione delle articolazioni.

La sauna finlandese

La sauna finlandese è l’evoluzione del laconicum (sauna romana 65-80°) e del frigidarium ( stanza fredda).

Nei paesi nordici infatti il laconicum diventa sauna finlandese aumentando notevolmente il calore che nelle saune a differenza del bagno turco è secco e può arrivare fino a 110°. Il frigidarium si trasforma in bagno nell’acqua ghiacciata o nel ghiaccio.

Per capire questa evoluzione bisogna ricordare che in Finlandia oltre al clima ostile esiste soprattutto il problema del buio invernale che si protrae per mesi ed è responsabile di molte sindromi depressive.

IL rito consiste nel ricevere un massaggio-lavaggio iniziale con sapone al pino, una sosta nella sauna e il bagno nell’acqua ghiacciata. Questo rito viene ripetuto anche 10 volte in modo da provocare un picco nella produzione di endorfine da parte dell’organismo, una vera esplosione che porta alla così detta euforia post-sauna tanto cara ai Finlandesi.

Era un rimedio naturale contro quel tipo di depressione talmente efficace che in Finlandia oggi quasi tutti hanno la sauna in casa. La sosta nella sauna con gli aromi naturali, stimola la circolazione, favorisce la disintossicazione del corpo, ha un effetto benefico su pelle e organi respiratori, favorisce la decontrazione muscolare ed è indicata anche per chi soffre di reumatismi cronici e artrosi. Il sapone al pino ha proprietà antidolorifiche, antisettiche ed antireumatiche. Viene prodotto in Europa.

 

Le Day SPA

Le day SPA moderne scoprono e fanno rivivere in chiave moderna e tecnologica tutta una serie di cure naturali che sembravano dimenticate o perse.

Grazie alla riscoperta della medicina orientale è tornato con forza il concetto olistico dell’individuo e della prevenzione.

Le Day SPA sono oggi i migliori luoghi dove prevenire le malattie, controllare il livello di stress, dedicarci a noi e ritornare all’infanzia quando erano gli altri che si occupavano di noi e oggi gli operatori con esperienza e dolcezza.

Nella day SPA oltre alle saune, il tepidarium, il calidarium e la stanza dei lavaggi si trovano docce aromaterapiche e tropicali, vasca con geiser, idromassaggio e cascata per massaggiare la cervicale; percorso Kneipp per migliorare la circolazione dalle gambe e dare nuova linfa vitale ai nostri piedi che con il massaggio ci daranno la sensazione di essere leggeri sia fisicamente che mentalmente, la fontana di ghiaccio che ci rinvigorisce permettendoci di continuare la giornata con vigore e forza rinnovati.

Accenni su Kneipp

I bagni Kneipp derivano da una terapia sviluppata nel secolo scorso da Padre Sebastian Kneipp che includeva sia l’idroterapia che tanti altri importanti aspetti terapeutici.
Sebastian Kneipp Nacque in Baviera nel 1821 da una famiglia molto povera.Lavorò come custode di animali in una fattoria, ma crescendo, il suo unico desiderio era di studiare e diventare prete. Fortuna volle che egli trovasse uno sponsor e così all’età di 23 anni cominciò a studiare.

La povertà durante l’infanzia aveva indebolito il suo fisico e si ammalò di tubercolosi, che a quel tempo era una malattia mortale.

Nella libraria del re a Monaco, cui aveva accesso per i suoi studi, trovò un vecchio libro scritto da un medico di campagna della Slesia dove erano descritte le proprietà curative dell’acqua.
Il giovane Kneipp decise di seguire i metodi descritti e iniziò a bagnarsi ogni giorno d’inverno nelle gelide acque del Danubio. Avvenne il miracolo e guarì.

Dopo aver finito i suoi studi fu inviato al Monastero di Woerischofen dove iniziò a curare altri monaci e sempre più persone che avevano sentito parlare di lui.

La terapia Kneipp

La caratteristica fondamentale della terapia Kneipp è considerare l’uomo come un’unità indissolubile di anima e corpo. Per migliorare la resistenza dell’organismo e la capacità di migliore dattamento alle differenti esigenze della vita si cerca l’armonizzazione di tutte le funzioni fisiche, intellettuali e spirituali.

La terapia Kneipp si basa su 5 colonne:

– l’idroterapia – la fitoterapia – la dietetica – il movimento – la vita ordinata, o come si direbbe oggi, un equilibrato stile di vita.
Come si vede, già nell’800, Kneipp aveva una visione unitariab del rafforzamento della resistenza dell’organismo che appare oggi quanto mai attuale.

 

Ricette liberamente tratte da: "L' Arte del Bagno" Lorenzo Villoresi ed: Ponte alle Grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...